È ufficiale: Upim passa al Gruppo Coin

Il Gruppo Coin ha raggiunto un accordo con il consorzio formato da Investitori Associati, Pirelli Re, Deutsche Bank e la famiglia Borletti, per l’acquisto del 100% del capitale sociale di Upim, a cui fanno capo 135 negozi diretti omonimi, oltre 200 spazi in franchising e 15 shop con il marchio BluKids. Il closing è previsto entro gennaio 2010 (nella foto Stefano Beraldo, a.d. di Gruppo Coin).
Con l’operazione Gruppo Coin diventerà un colosso della distribuzione da quasi 900 punti vendita e con un giro d’affari complessivo di circa 1,6 miliardi di euro.
Come si legge nel comunicato ufficiale della società di Mestre l’acquisizione permette “di estendere gli attuali formati del gruppo a una rete di ulteriori location complementari di cui buona parte di eccellente qualità”. In più consentirà di raggiungere una marcata posizione di leadership nel settore dell’abbigliamento in Italia e di aumentare l’efficienza operativa ottimizzando le risorse e le competenze a disposizione.
Di fatto non è ancora chiaro se la storica insegna Upim (con vendite nette di circa 430 milioni di euro) scomparirà del tutto oppure sarà rilanciata. Certo è che alcune location saranno riconvertite in store Ovs.
L’acquisizione di Upim sarà perfezionata tramite assegnazione ai soci di una partecipazione pari al 7,5 del capitale sociale di Coin. L’attribuzione avverrà tramite un aumento di capitale riservato e, in minor misura, utilizzando azioni proprie in portafoglio al gruppo quotato in Piazza Affari.
Secondo gli accordi presi tra le parti, prima del perfezionamento della transazione dovrà essere ridotto l’indebitamento finanziario netto di Upim, rispetto a quello al 30 settembre 2009, per una cifra pari a 52,5 milioni di euro. Sono anche previsti accordi con altri creditori di Upim, finalizzati a ridimensionare ulteriormente il debito della società.
A sostegno dell’operazione, Carpaccio Investimenti – azionista di riferimento della società – finanzierà il Gruppo Coin per 26,5 milioni di euro. Inoltre, alcuni manager dipendenti sottoscriveranno un aumento di capitale riservato per 8,5 milioni di euro.
L’operazione è soggetta all’autorizzazione da parte delle autorità Antitrust e all’approvazione, nonché alla definizione dei contratti di finanziamento da parte delle banche di Gruppo Coin e Upim.
e.c.
stats