1A Classe Alviero Martini: previsioni positive sul 2008

È toccato a 1A Classe Alviero Martini, nel nuovo quartier generale sui Navigli, chiudere sabato scorso la tornata delle sfilate di Milano Moda Donna. Un’occasione per fare anche il punto sulle performance economiche della griffe, che conta di chiudere il 2008 con un fatturato di 63 milioni di euro.
La collezione 1A Classe Alviero Martini andata in passerella sabato si è contraddistinta grazie alla pulizia delle linee e alla sobrietà dei colori: morbidi pantaloni in lino, ampie gonne con il punto vita alto, camicie impalpabili accompagnate da sahariane in camoscio, sono state declinate nelle tinte del bianco crema, del beige con tocchi di turchese.
Il leitmotiv del marchio, la carta geografica, viene ridotto a un ruolo marginale, ma rimane ben presente su uno dei pezzi forti della casa: la borsa. Ai bordi della pedana si è vista Mischa Barton, protagonista della serie televisiva The O.C., mentre il catwalk è stato preceduto e concluso dalle gag della comica siciliana di Zelig, Teresa Mannino.
“La Sicilia è uno dei territori che ci stanno dando maggiori soddisfazioni – ha spiegato a fashionmagazine.it Antonella Memo, a.d. e direttore generale di Alviero Martini SpA – come testimoniano le nostre recenti aperture nell’isola” (si veda a proposito fashionmagazine.it del 15 settembre). Globalmente, la struttura distributiva si compone di 70 punti vendita, con progetti di espansione soprattutto nel Middle East, in Cina e Giappone. “Nonostante la crisi mondiale – ha aggiunto Memo – contiamo di chiudere il 2008 a quota 63 milioni di euro, con una crescita del 16% rispetto all’anno precedente e un ebitda del 22% circa”. Per quanto riguarda il sistema delle licenze (14 quelle attive) non vi sono ulteriori progetti, mentre il più recente sviluppo a livello di prodotti concerne il settore della valigeria, con un nuovo set di trolley in policarbonato.
g.ga.
stats