A Nicosia sfila la creatività "made in Cyprus"

Positivo il bilancio della prima Fashion Week di Cipro appena conclusasi a Nicosia, capitale dell’isola. L’evento ha attirato un buon numero di buyer, giornalisti e addetti ai lavori da tutta Europa, soddisfatti dall’organizzazione impeccabile, dove nulla è stato lasciato al caso.
Interessanti le proposte degli stilisti locali che il 29, il 30 e il 31 marzo hanno sfilato alternandosi tra le Catwalk A e B del Famagusta Gate, la location a ridosso delle Mura Veneziane che ha ospitato l’evento. Confermano il loro talento, già riconosciuto in patria, Ramona Filip con i suoi abiti dagli scolli importanti ed Erotocritos, con i modelli a trapezio tanto amati da Kirsten Durst e Kate Moss. Meritano una menzione le creazioni-scultura di Afroditi Hera.
Altri nomi da tenere d’occhio: Kiki Ioannidou, che propone ricami effetto origami, Photini Stylianou artefice di sensuali biker metropolitane, Elena Antoniades che ha puntato sui wrap dress arricchiti da particolari insoliti. Forme leggere per Barba Christofi, mentre si fanno notare i gioielli di Notis Panayiotou e le borse di Dora Schabel. Le creazioni dalle linee sinuose e lo show in sé del duo Natar/Yastrobnik, specializzato soprattutto nella maglieria, hanno convinto i giornalisti. Invece i compratori hanno decretato Efi Papaioannou, con il suo stile ultra-femminile, la fashion designer migliore. Appuntamento a ottobre.
v.d.g.
stats