A Riccione Moda Italia di scena le nuove leve del made in Italy

Con la sfilata di sabato 19 luglio, che ha incoronato Raffaella Panaro vincitrice assoluta, si è chiusa la diciottesima edizione di Riccione Moda Italia, il concorso dedicato ai giovani stilisti - culmine di una settimana densa di convegni, workshop e passerelle - che si svolge annualmente nella famosa località della costiera romagnola.
Al défilé conclusivo 30 nuovi talenti - tre ragazzi e 27 ragazze - si sono confrontati nelle sei sezioni del contest (abbigliamento, maglieria, pellicceria, intimo & mare, ricamo e accessori & calzature): i vincitori di ogni categoria si sono aggiudicati una borsa di studio e uno stage presso importanti aziende del settore mentre la più brava in assoluto - peraltro già insignita dell’award per le caleidoscopiche creazioni in pelliccia - ha ricevuto una targa celebrativa della XVIII edizione del Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti.
La serata dello show finale si è svolta alla presenza di autorità, personalità del mondo dello spettacolo (Irene Pivetti, madrina dell’evento, che ha anche presentato l’iniziativa per la formazione in aree svantaggiate Learn to be free), del tessuto imprenditoriale e della moda (fra questi, Elio Fiorucci, Laura Lusuardi di Max Mara e lo stilista Giovanni Cavagna).
“Da 18 anni Riccione Moda Italia si occupa della creatività giovanile, consentendo alle imprese del sistema moda italiano di attingere a nuova linfa creativa” ha spiegato prima della catwalk a Villa Mussolini Antonio Franceschini, responsabile nazionale di Cna Federmoda e direttore generale della kermesse. “Il valore aggiunto della nostra manifestazione rispetto alle altre - ha poi sottolineato al nostro magazine - è di caratterizzarsi anche come una settimana ‘formativa’, dove i ragazzi partecipanti hanno la possibilità di confrontarsi con esperti del settore grazie a incontri, workshop e dibattiti”.
Venerdì scorso, nell’ambito del fitto calendario di appuntamenti della fashion week (vedi anche fashionmagazine.it dell’11 luglio 2008), ha suscitato grande interesse la Lectio Magistralis “Stile al cubo”, tenuta dal couturier Maurizio Galante, fra i pochi italiani che sfilano durante l’alta moda parigina.
Il prossimo appuntamento con la moda sulle sponde dell’Adriatico è per luglio 2009.
d.p.
stats