Adidas, risultati in crescita anche nel 2002

Adidas-Salomon AG taglierà il traguardo del 2002 con un incremento delle vendite del 5%. Ad annunciarlo è stato Herbert Hainer, presidente della holding, che ha inoltre rivelato gli obiettivi e le strategie di breve e medio termine. Mario Colombo ha invece presentato la struttura della filiale italiana, di cui è a.d., che chiuderà l'attuale esercizio con un fatturato in crescita del 15%. Adidas Italia, nata nel 1995 come joint venture con Manifattura Mario Colombo, nel gennaio di quest'anno è stata assorbita dal gruppo tedesco, quotato a Francoforte, allo scopo di rafforzare il controllo sul brand. "L'Italia rappresenta un mercato con un grande potenziale - ha detto Roland Auschel, responsabile di Adidas Europa e presidente di Adidas Italia - e questo cambiamento ci permette di sviluppare una strategia di marketing più precisa e mirata". I piani dal 2003 al 2005 prevedono infatti una crescita del giro d'affari annuale a due cifre e un importante sviluppo del retail con un'espansione dei flagship store, il lancio degli Original store e l'accrescimento della presenza nei factory outlet. Il progetto italiano si inserisce all'interno di più ampio contesto europeo, vero punto di forza di Adidas-Salomon AG. Il Vecchio Continente realizza infatti oltre il 50% dell'intero giro d'affari che per il 2001 è stato di 6,1 miliardi di euro, mentre per il primo semestre di quest'anno si è attestato a 3,144 miliardi di euro (+7,4% rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente).
Le nuove strategie del gruppo che dovrebbero portare una costante crescita annuale a una cifra, vedono il raggruppamento in aree dei mercati simili, l'inserimento di nuovi Paesi quali Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovenia e Slovenia, una maggiore uniformità a livello europeo dei prodotti con una razionalizzazione dell'assortimento e una riduzione delle giacenze di magazzino. L'attuazione del programma porterà a uno snellimento della struttura, un maggiore potenziamento dei mercati minori e una riduzione dei costi.
È stata inoltre ridefinita la struttura del brand in tre divisioni. Adidas Sport Performance, dedicata agli sportivi, rappresenta l'80% delle vendite totali. Adidas Sport Heritage invece, che propone prodotti Adidas Originals, registrerà quest'anno un giro d'affari di 750 milioni di euro e prevede di salire nel 2003 a un miliardo. "Attualmente conta il 20% del nostro turnover - ha dichiarato Herbert Hainer - ma puntiamo ad incrementare la quota al 25-30%". Importanti per questa crescita sono gli Original store. Dopo l'apertura di Berlino, Tokyo, New York e Osaka è in calendario l'opening di San Francisco, Mosca, Londra, Barcellona e Milano. La terza divisione, lanciata a Parigi lo scorso 7 ottobre, e Adidas Sport Style, una serie di prodotti creati in collaborazione con Yohji Yamamoto. La nuova collezione, presentata durante le sfilate, sarà distribuita solamente in 150 punti vendita tra i più esclusivi al mondo. "Con questa divisione - ha concluso Herbert Hainer - intendiamo raggiungere la redditività nel secondo anno".
v.s.
stats