Al via domani il 53esimo Forum del TextilWirtschaft

53esimo appuntamento per il Forum del TextilWirtschaft: un’occasione di riflessione sui temi d’attualità del tessile-abbigliamento, che coinvolge qualificati operatori internazionali del settore in un mercato chiave per il made in Italy ma non solo, la Germania.
Domani sera l'appuntamento è fissato alla Print Media Academy di Heidelberg, con i discorsi introduttivi dei vertici della casa editrice Deutscher Fachverlag (che pubblica sia la rivista TextilWirtschaft, sia Fashion attraverso le Edizioni Ecomarket), la consegna dei TW Forum Prize a personaggi di spicco e la premiazione dei giovani talenti selezionati dalla Wilhelm-Lorch-Stiftung.
Dopodomani ci si trasferisce al castello di Schwetzingen: sul leitmotiv dello slogan “Spirito del cambiamento. Spirito dell’ottimismo”, si sviluppa un interessante programma di interventi di personaggi di spicco internazionali, a partire da Jean-Remy von Matt, co-fondatore dell’agenzia di advertising Jung von Matt, che lancia una provocazione: “Make war, not love!”. In primo piano anche la testimonianza di Annabella Leung Wai Ping di Li & Fung, a cui spetta fare il punto sull’Asia e in particolare sulla Cina, una nazione dove si assiste a un innalzamento del tenore di vita e parallelamente a un aumento dei costi di produzione, con effetti a catena anche sui committenti occidentali. Dalla Svizzera arriva Marcel Dietrich, ceo dei department store Globus, che illustra la case history di Globus, catena di department store di cui è amministratore delegato dal 2002. L'ultima parola spetta al giornalista Tom Burhow, che sonda potenzialità e contraddizioni della nuova Germania.
a.b.
stats