Anci: Fabio Aromatici assume la direzione al posto di Soana

Cambio della guardia ai vertici di Anci: Leonardo Soana, da 25 anni alla direzione dell'associazione di categoria dei calzaturieri, cede il posto a Fabio Aromatici. Intanto per il settore si avvicina una data importante, quella del 6 ottobre, quando scadranno le misure anti-dumping verso l'import di scarpe in pelle da Cina e Vietnam.
Alla vigilia di questo appuntamento, il commissario europeo Peter Mandelson si è espresso a favore di una revisione della scadenza, anche se la decisione in merito spetta formalmente al collegio dei commissari. Un punto a favore delle posizioni di Anci, che ha ringraziato Mandelson tramite il suo presidente, Vito Artioli.
Quest'ultimo, qualunque sarà la posizione assunta dall'Ue sull'argomento, è pronto a continuare la battaglia per la difesa delle calzature made in Italy insieme al nuovo direttore dell'Anci, il 46enne Fabio Aromatici, che promette di intensificare il monitoraggio del mercato dal punto di vista economico-statistico, in modo da fornire utili informazioni e orientamenti alle aziende in un momento di generale impasse economica. "In quest'ottica - precisa Aromatici - stiamo anche rivedendo il nostro sito web, in modo da renderlo sempre più immediato e fruibile per gli operatori. A questo si sta affiancando un nuovo sistema che consentirà di lavorare in teleconferenza in più sedi, minimizzando costi e tempi di spostamento per gli imprenditori che partecipano alla vita associativa e rendendo la nostra azione più capillare sul territorio". Nel curriculum del neo-eletto spiccano ruoli di rilievo in Assolombarda (responsabile Piccola Industria e direttore dell'area Mercato & Impresa), Unioncamere Lombardia, Anie (Associazione Nazionale delle Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche) e, negli Usa, presso il Studio De Barbieri & Associates Inc. in qualità di responsabile per lo sviluppo di accordi di collaborazione tra pmi italiane e società statunitensi.
a.b.
stats