Ap: il cda approva le linee guida per un accordo con gli istituti di credito

Antichi Pellettieri, controllata dalla famiglia Burani, rende noto che il cda si è riunito ieri per approvare le linee guida del piano industriale e finanziario della società e di un accordo con gli istituti di credito, dando mandato a tre consiglieri di proseguire gli incontri per finalizzare e sottoscrivere il testo definitivo.
Ap, dicono dall'azienda degli accessori in pelle, terrà informato il mercato dell'evoluzione delle trattative per la ristrutturazione del debito, “che si auspica possano essere concluse in tempi brevi”.
Secondo indiscrezioni di stampa, le banche creditrici avrebbero richiesto un piano di dismissioni per riequilibrare il bilancio (nei primi nove mesi del 2009, la perdita ante imposte ha raggiunto i 47,6 milioni di euro, mentre l'indebitamento netto a novembre risulta pari a 140,2 milioni di euro).
La scorsa settimana il board di Antichi Pellettieri ha anche approvato indicazioni principali di un possibile accordo con 3i Sgr per il passaggio della maggioranza di Mosaicon, “destinato a entrare in vigore solo nel caso in cui si verifichi un cambio di controllo di Ap” (vedi fashionmagazine.it del 4 febbraio). Attualmente l'ex ApBags, che tra i marchi in portafoglio conta Francesco Biasia, Coccinelle e Mandarina Duck, è partecipata al 51% dalla stessa Ap e al 49% dal fondo.
e.f.
stats