Apax acquista Tommy Hilfiger per 1,6 miliardi di dollari

Tommy Hilfiger passa di mano. Dopo mesi di trattative e indiscrezioni, è stato il fondo di private equity inglese Apax Partners ad aggiudicarsi la maison americana, per una cifra pari a 1,6 miliardi di dollari.
La Tommy Hilfiger Corporation - che ha chiuso l’ultimo anno fiscale con una perdita degli utili netti del 34,5%, passando da 130,8 a 85,7 milioni di dollari – è stata messa in vendita la scorsa estate. Una prima offerta, avanzata dall’amministratore delegato per l’Europa Fred Gehring in giugno, era stata rifiutata. In seguito, altri potenziali acquirenti, tra cui Phillips-Van Heusen, Wal-Mart, Jones Apparel e Liz Claiborne, si sono fatti avanti, ma senza che alcun affare fosse concluso.
Apax si è aggiudicata la fashion house al prezzo di 16,80 dollari per ogni azione di Tommy Hilfiger, compiendo così un passo ulteriore nel mondo della moda. L’azienda di private equity ha infatti aiutato Pvh nell’acquisto di Calvin Klein e ha inoltre investimenti in Spyder Active Sport.
Ancora incerto il giro di poltrone che seguirà il completamento dell’operazione, previsto per la prossima primavera. Secondo le prime indiscrezioni, il fondatore della maison resterà nell’azienda come chief designer, mentre l’attuale ceo, David Dyer, lascerà il suo incarico, per essere sostituito da Fred Gehring. Pvh potrebbe avere un ruolo come licenziatario del gruppo che, per il futuro, prevede una crescita delle vendite in Europa e Asia, ma una situazione ancora difficile sul mercato domestico americano.
g.m.
stats