Apre in rue Royale la nuova boutique parigina di Issey Miyake

L’appuntamento è fissato per l’1 ottobre, quando tra place de la Concorde e rue Saint-Honoré aprirà al pubblico il nuovo spazio-atelier di Issey Miyake, che traduce il suo sogno di dare vita a un "luogo delle possibilità".
Nel cuore del quartiere del lusso parigino, al numero 11 di rue Royale, il nuovo negozio di 400 metri quadri sarà uno spazio di volta in volta didattico o dinamico, nato allo scopo di "servire" la creatività e di riappropriarsi dell’arte, oltre che di mettere in risalto le collezioni.
A partire dall’edificio originale del 1600/1700, l’architetto Jean-Guillaume Mathiaut di Atelier Edith - che nel 2011 esporrà un’installazione di 13 "capanne contemporanee" in Central Park - propone una struttura a metà strada tra una "cava minerale" e un atelier. Ha infatti eliminato ogni elemento superfluo e dilatato lo spazio attraverso un gioco sapiente di materia e luce.
Il materiale preferito è il Corian nella tonalità Glacier Ice, che combina elementi minerali naturali e polimeri acrilici puri. È utilizzato per plasmare un tavolo lungo 12 metri, ispirato ai banconi da taglio della haute couture, un basamento che serve come piano da esposizione o come seduta, il grande desk all’ingresso e i camerini, ospitati da due monoliti bianchi installati lungo il profilo della corte interna e illuminati da led che diffondono una luce simile a quella del giorno.
Sulle barre da appenderia in acciaio inox spazzolato, che corrono lungo l’intero perimetro della boutique, si trovano sospesi i capi delle linee Issey Miyake donna e uomo disegnate da Dai Fujiwara e dalla sua équipe, Haat, linea che mixa la tradizione dell’artigianato indiano con un comfort estremo e Cauliflower, collezione di capi in cotone stropicciato dalla consistenza insolita.
Altro elemento cardine è denominato Mi-market: un angolo "drogheria" in posizione sopraelevata dove si possono trovare, collocati su consolle di legno e Corian, diversi prodotti Issey Miyake, compresi orologi e profumi.
La boutique ospiterà di volta in volta le opere di creatori nei campi più svariati (design, ricerca industriale, arte…) ed è destinata a diventare l’emblema del brand giapponese in Europa.
e.b.
stats