Assindustria premia il gruppo Marcolin

A margine dell’assemblea annuale di Assindustria Belluno, il gruppo dell’occhialeria Marcolin è stato premiato per i 35 anni di iscrizione all’associazione. “Il segreto del nostro successo è nella capacità di mantenere un forte legame con la tradizione e il territorio e di cogliere le evoluzioni di un mercato sempre più esigente”, ha commentato Giovanni Marcolin, presidente dell’omonima azienda.
Nato nel 1961 da un’idea - produrre aste per occhiali in metallo anziché in plastica – quello che era un piccolo laboratorio artigianale, in poco più di quarant’anni è diventato un gruppo di 1.200 dipendenti, che conta 4 stabilimenti e 15 filiali nel mondo. Con 6 milioni di montature prodotte nel 2002, in base a circa 400 modelli, Marcolin vanta in portafoglio griffe del calibro di Dolce & Gabbana, Roberto Cavalli, Chloé, Costume National, Montblanc, Replay, Miss Sixty, Fornarina e The North Face.
La società dell’eyewear ha chiuso il 2002 con ricavi a 166,8 milioni (+8%), un margine lordo a 19,7 milioni (+48%) e un reddito operativo a 10,2 milioni (+137%). L’utile netto si è attestato a 1,9 milioni, dai precedenti 687 mila euro (+179%).
Nonostante questi risultati, il mercato azionario non sembra premiare il titolo Marcolin: quotato alla Borsa di Milano dal luglio del '99, con una capitalizzazione di circa 47 milioni di euro, registra una performance a sei mesi pari al –12,8%. Quella a un anno segna –30,9%. Positiva invece quella a un mese: +3,1%. Sempre nel comparto, le azioni di un altro nome di spicco dell’occhialeria made in Italy, Luxottica (capitalizzazione di Borsa di circa 5,8 miliardi di euro), stanno registrando un –18,7% di ribasso a un anno, ma le performance a sei mesi e a un mese segnano rispettivamente +3,9 e +14%.
e.f.
stats