Assomoda: uniti per la crescita di Milano

Il presidente di Assomoda, Giulio di Sabato, scende in campo, forte della rappresentatività nazionale degli showroom, innanzitutto per solidarizzare con Mario Boselli nella sua battaglia per ampliare il calendario delle sfilate, condividendo appieno la durata di sei giorni più due, su cui si sta lavorando.
“Gli showroom milanesi della moda, in gran parte rappresentati da Assomoda, l’associazione storica che presidia l’ambito della distribuzione intermedia, vogliono recitare un ruolo propositivo e importante nel rilancio del settore a Milano” afferma Giulio di Sabato in una sua nota inviata a Fashion, alla vigilia dell’incontro di domani che ha all’ordine del giorno la rielezione del presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana.
“Dopo gli ultimi anni, in particolare l’ultimo, di grave crisi economica - prosegue Giulio di Sabato - le prospettive tendono a riprendere sfumature meno tetre e, soprattutto per gli showroom di caratura internazionale, a consentire progetti e iniziative di sviluppo molto interessanti". In particolare, il mercato dello sportswear "rimane molto vitale e tendenzialmente in crescita, così come quello degli accessori di qualità".
Il problema maggiore secondo il presidente di Assomoda è quello della difficoltà durante le campagne vendita ad avere in città i buyer internazionali i quali, a causa anche delle limitazioni delle passerelle milanesi, prediligono decisamente Parigi. "L’assenza di grandi compratori stranieri - ribadisce - è fortemente legata infatti alla minor durata e attrattività delle sfilate".
Di Sabato, e con lui i più importanti showroom milanesi - come Studio Zeta, Gruppo Zappieri e altri - chiedono tuttavia un maggior coinvolgimento delle agenzie di rappresentanza commerciale, in un momento che ritengono “topico” per il rilancio della moda italiana.
La proposta è quella di valorizzare al massimo il progetto Milano Moda Showroom, affinché diventi, da iniziativa di tipo meramente descrittivo, un grande evento in grado di coinvolgere in maniera totale la città di Milano, anche attraverso il ruolo nodale degli showroom, così come riesce a fare il Salone del Mobile.
Secondo il parere di Assomoda questo può essere un primo passo, tutto da definire in termini organizzativi, per far tornare la settimana della moda milanese al vertice.
t.m.
stats