Ballantyne dà il benvenuto a Giuseppe Rossi, nuovo a.d e direttore generale

Un passato come a.d. di Calvin Klein Inc. Europe e in importanti aziende del settore, ha valso a Giuseppe Rossi il ruolo di a.d. e direttore generale di Ballantyne, ricoprendo la carica appartenuta in precedenza ad André Piot. A lui, il compito di proseguire il percorso di sviluppo e di accordi internazionali della griffe.
Con il suo inserimento e l’esperienza maturata da Rossi in ambito retail, commerciale e licensing, il brand scozzese - che ha l’headquarters a Milano ed è celebre per le maglie realizzate a intarsio su telai a mano - punta a conquistare nuovi mercati. Farà quindi leva sulla notorietà di una realtà storica che affonda le sue radici nel 1921, sulla qualità stilistica e di prodotto e su una già considerevole presenza in location primarie come via S. Andrea a Milano, New Bond Street a Londra, Ginza a Tokyo, via Tornabuoni a Firenze, Portofino e Cortina d’Ampezzo.
La strategia di sviluppo internazionale di Ballantyne - il cui fatturato attuale si aggira intorno ai 30 milioni di euro - è principalmente focalizzata su aperture di shop in shop e sulla valutazione di nuove opportunità retail soprattutto in Uk, Francia e Nord Europa. Dello stesso disegno faranno anche parte le nuove collezioni di abbigliamento in tessuto e accessori, oltre a precollezioni invernali ed estive in affiancamento alla maglieria e al cashmere che continueranno a essere il core business dell’azienda.
Nel piano di crescita dell’azionista di controllo di Ballantyne, Charme Investments - società di investimento fondata da Luca Cordero di Montezemolo in partnership con Alfredo Canessa, l’imprenditore che ha creato e gestito per più di 20 anni Malo -, il comparto fashion rappresenta un chiaro obiettivo per il prossimo triennio. Il nuovo a.d. avrà anche l’incarico di agire come referente per future acquisizioni e alleanze in questo settore.
e.b.
stats