Bally: esce di scena Berndt Hauptkorn

In carica da quasi un anno e mezzo con il ruolo di ceo di Bally, Berndt Hauptkorn ha rassegnato le dimissioni e per ora non è stato sostituito. Durante il suo mandato il manager - che in precedenza era stato amministratore delegato della parent company del marchio, Labelux Group - ha arruolato Graeme Fidler e Michael Hertz come direttori creativi e investito sull'espansione internazionale della "Swiss luxury house".
Tra gli opening più recenti di Bally - che tra l'altro ha festeggiato tra novembre e dicembre i 160 anni a Zurigo, con l'esposizione "Bally is super" all'interno del suo monomarca - spiccano quelli di Washington D.C. e Istanbul, oltre a investimenti nel travel retail insieme a Nuance Group e Dufry (vedi fashionmagazine.it dello scorso 18 ottobre). Il brand ha inoltre avviato un sito di e-commerce in Cina, uno dei mercati più strategici.
Mentre Hauptkorn esce di scena, sul fronte dei nomi cosiddetti emergenti in seno a Labelux (Solange Azagury-Partridge, Zagliani e Derek Lam) è invece in fase di rodaggio Andrew Marshall, che da circa un mese supervisiona questa specifica area di business, grazie a un incarico creato ex novo (vedi fashionmagazine.it del 2 dicembre 2011).
a.b.
stats