Bellora: apre a Los Angeles e pensa a Madrid

Bellora, sinonimo di homewear ma anche di tessuti per abbigliamento, sbarca a Los Angeles con un monomarca. Fra le prossime aperture, Madrid, Parigi e Londra. Previsioni di crescita (+8%) sul fatturato, che dovrebbe arrivare a 39 milioni di euro. Il nuovo punto vendita sulla West Coast sarà inaugurato a giorni: circa 120 metri quadri affacciati sull’esclusivo Sunset Boulevard. Si tratterà della seconda boutique negli Usa dopo quella di New York e della nona in generale, oltre a quelle di Milano, Anversa, Porto Rotondo, Roma, Padova, Barcellona e Ibiza. Un’altra città spagnola nel mirino dell’azienda è Madrid, dove si sta cercando la location adeguata per un negozio su strada. Altri opening dovrebbero riguardare Londra e Parigi. Non male per un progetto retail iniziato appena quattro anni fa. Il marchio italiano di biancheria e homewear di alto livello (sinonimo anche di altre proposte per il relax in casa, dalle profumazioni per l’ambiente ai prodotti per la cura del corpo) è inoltre presente in 80 corner all’interno di department store internazionali, fra cui Harrods a Londra e KaDeWe a Berlino. Il fatturato è in ascesa: dovrebbe passare, secondo le previsioni, da 36 a 39 milioni di euro (+8%), nel 2002. La produzione ha due “anime”: quella legata ai tessili d’arredo, con quartier generale a Fagnano Olona in provincia di Varese, e quella che si identifica con le stoffe per abbigliamento in lino e cotone, realizzate in uno stabilimento a Cossato nei pressi di Biella, città dove la Bellora è nata nel 1883. Fra i clienti spiccano, tra gli altri, Ralph Lauren, Calvin Klein, Frette e Armani. In un’ottica di diversificazione produttiva, con la primavera-estate 2002 ha esordito una collezione pensata specificamente per i piccolissimi: si tratta di Bellora Baby, presente in 22 corner fra Italia ed estero e articolata in grembiulini, set per culla, pigiami e altre proposte per i neonati e la fascia zero-tre anni. A seguire arriveranno le culle vere e proprie, foderate in tessuto, “sorelle minori” dei letti a baldacchino per l’adulto, una delle novità in dirittura di arrivo.
a.b.
stats