Benoit De Crane, nuovo country manager di Levi’s Italia

Nuovo ingresso alla Levi’s Italia: si tratta di Benoit De Crane che dal 2 gennaio di quest’anno ha assunto il ruolo di country manager al posto di Anthony Smith. De Crane, 37 anni di Anversa, ma residente a Treviso da anni, gravitava già nell’orbita Levi’s essendo responsabile marketing di Levi’s Europe, Middle East e Africa.
Il suo nuovo incarico nasce dalla volontà di focalizzare le stretegie europee su due mercati ritenuti strategici per l’azienda. Si tratta della Germania e per l’appunto dell’Italia, dove è in corso un significativo piano di investimenti. Al momento, l’attenzione è rivolta al lancio della linea Type1 Jeans, presentata ieri nel corso di una conferenza stampa al Light di Milano, insieme al nuovo spot, in circolazione dal 13 febbraio. Presente all’evento Kenny Wilson, presidente brand Levi’s Europe, Middle East, Africa. Wilson ha ribadito l’atteggiamento positivo dell’azienda, reduce da un laborioso processo di ristrutturazione aziendale che ha comportato la chiusura di impianti in Usa e Scozia con i costi relativi al ridimensionamento del personale. A questo si aggiungono le uscite a copertura dei debiti per un valore di 112 milioni di dollari. "Ciò spiega il calo dei profitti netti a livello mondiale dell’84%, a 25 milioni di dollari nel 2002 – ha chiarito Wilson –. Uno scenario che avevamo già prefigurato. Ma non vanno trascurati altri dati che mi sembrano significativi. Mi riferisco alla crescita del 2% dei ricavi nel quarto trimestre del 2002 e alle performance europee che vedono il business in crescita in otto su nove tra gli ultimi trimestri finanziari". All’indomani di sforzi ingenti mirati a dare una nuova fisionomia all’azienda, insomma, si guarda ora al futuro con ottimismo. "Con questi presupposti ci concentriamo sull’innovazione del prodotto che sarà il fattore trainante dei prossimi anni”" ha concluso Wilson.
c.me.
stats