Berggruen-Bcbg si aggiudica Karstadt

Karstadt passa nelle mani della società di investimenti Berggruen, in cordata con l’americano Bcbg Max Azria Group. Dalla gara per aggiudicarsi la catena tedesca esce sconfitto il consorzio Highstreet, che riunisce Goldman Sachs, Deutsche Bank, Pirelli Re, Assicurazioni Generali e Maurizio Borletti.
Come riporta oggi la stampa finanziaria, la conferma della transazione è arrivata da Klaus Hubert Görg, curatore fallimentare del gruppo Arcandor - che controlla i grandi magazzini - e dagli stessi vincitori della gara.
Viene dunque posta la parola fine a una vicenda iniziata quasi un anno fa con l’istanza di fallimento presentata dal gruppo teutonico, dopo che il governo presieduto da Angela Merkel aveva negato aiuti e garanzie statali (vedi fashionmagazine.it del 10 giugno 2009).
L’asta per assicurarsi Karstadt, nell’ultimo mese, aveva visto fronteggiarsi tre pretendenti, che avevano presentato offerte vincolanti: oltre ai due precedentemente citati, il fondo tedesco-svedese Triton.
I dettagli dell’operazione non sono stati resi noti, ma sembra che la scelta sia caduta sul consorzio Berggruen-Bcbg sulla base dei risultati soddisfacenti avuti con i rappresentanti sindacali dei dipendenti della società, ai quali Nicolas Berggruen avrebbe assicurato investimenti a lungo termine senza tagli al personale, che conta 25mila impiegati.
a.t.
stats