Boselli all’inaugurazione delle sfilate: "Le premesse per la ripresa ci sono"

Taglio del nastro questa mattina al Milano Fashion Center per l’avvio delle sfilate da parte di Mario Boselli, presidente della Camera della Moda, e Massimiliano Finazzer Flory, assessore alla Cultura del Comune di Milano, a sancire l’alleanza tra moda e cultura nel capoluogo lombardo.
“Le premesse per la ripresa ci sono”, ha detto Boselli ai giornalisti presenti all’inaugurazione di Milano Moda Donna, il cui calendario prevede il 5% in più di collezioni.
“Alla vigilia della nuova tornata di sfilate, riscontriamo un interesse da parte di mercati esteri che fino a poche settimane fa non c’era”, ha assicurato Boselli, fiducioso che il punto più basso della crisi sia stato toccato e che una lieve ripresa possa già riscontrarsi nel secondo trimestre dell’anno.
“Ci sono alcuni elementi che fanno ipotizzare un miglioramento delle condizioni, come il cambio favorevole euro/dollaro, la riduzione del costo delle materie prime e la più debole concorrenza esercitata dalla Cina”, ha affermato il presidente della Camera.
“In questo contesto, creatività e innovazione sono più che mai i presupposti indispensabili con cui gli stilisti italiani dovranno invogliare i buyer agli acquisti”, ha aggiunto. Boselli ha anche ricordato l’impegno della Camera nell’assicurare anche un indispensabile ricambio generazionale, puntando i riflettori sui giovani attraverso iniziative come l’Incubatore della Moda e Next Generation.
Massimiliano Finazzer Flory, assessore alla Cultura del Comune di Milano, ha presentato l’iniziativa che riguarda via Montenapoleone, il cui obiettivo è animare il Quadrilatero nelle ore serali, "in modo da dare un messaggio forte a chi dice che quest'area di giorno è viva, ma di notte si spegne" (vedi fashionmagazine.it del 18 febbraio scorso).
m.g. ed e.a.
stats