Bulgari: nel primo trimestre crescono gioielli e profumi, ma gli orologi restano deboli

Bulgari, che proprio in questi giorni ha realizzato una joint venture con il produttore di diamanti tagliati Leviev, chiude il primo trimestre 2004 con ricavi sostanzialmente in linea con lo scorso anno (+6% a cambi costanti) e un utile in crescita sia a livello operativo che netto. Soddisfatto l’a.d. Francesco Trapani, che ha giudicato i risultati di vendita raggiunti "coerenti con gli obiettivi di crescita della società per l’intero anno 2004".
Il fatturato della Casa romana ha totalizzato 160,3 milioni di euro (-0,2% a cambi correnti): in rialzo il settore della gioielleria (+7,6% a cambi correnti) e del profumo (+2,9%), segno meno per gli accessori (-7,4%) e l’orologeria (-6,1%), che tuttavia accenna a una graduale ripresa (+0,5% a cambi costanti). Distinguendo per mercati di riferimento, il trend si è rivelato negativo in Italia (-22,7%), nel resto d’Europa (-5%, con cenni di ripresa in Inghilterra e Spagna) e in Estremo Oriente (-5%). In progresso, invece, il Giappone (+16,7%), le Americhe (+5,9%) e il Medio Oriente (+15,2%).
L’utile operativo trimestrale di Bulgari è salito a 18,9 milioni di euro, dai 16,2 dello stesso periodo dello scorso anno (+16,7%), mentre il risultato netto è aumentato a 13,5 milioni (+18,3%). L’indebitamento bancario si è più che dimezzato, passando dai precedenti 159,4 milioni di euro ai 72,9 milioni della fine del primo trimestre di quest’anno. In base a questi numeri, l’a.d. Trapani ha confermato le previsioni di una crescita per l’intero anno “high single-digit” dei volumi di vendita e una performance leggermente superiore dei profitti.
Con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente l’attività relativa alla realizzazione di gioielli con diamanti, Bulgari ha recentemente raggiunto un’intesa con il gruppo Leviev per la costituzione di una società con sede in Svizzera, che sarà partecipata per metà da Bulgari International Corporation Nv (controllata da Bulgari Spa) e per l’altro 50% da Lld Diamonds Ltd (controllata dal Gruppo Leviev).
La joint-venture garantirà a Bulgari la fornitura di diamanti da parte del Gruppo Leviev a un prezzo competitivo, per la creazione di collezioni di gioielleria che saranno disegnate e realizzate dalla società italiana. Leviev è fra i maggiori produttori di diamanti tagliati, con società specializzate in Israele, Russia, nel Cis (Commonwealth of Independent States), negli Stati Uniti e proprie miniere di diamanti in Angola, Congo, Russia e Namibia.
e.f.
stats