Bulgari: risultati in linea con le aspettative nel primo semestre

A quota 389,2 milioni di euro il fatturato di Bulgari nel primo semestre dell'anno, in crescita dell'11,1% a cambi comparabili rispetto all'analogo periodo del 2004. Bene la gioielleria, core business della società. In calo del 15% l'utile netto.
Come informa una nota, la divisione Gioielleria ha messo a segno un +8% nelle vendite, a fronte di una base già ottima nel primo semestre 2004 (+15%). Stabili gli orologi con un +0,1% e balzo in avanti del 35% degli accessori, mentre i profumi si portano avanti del 22%. I mercati più premianti sono stati gli Usa (+28,5%) e il Giappone (+17,8%). Meno eclatante la performance in Estremo Oriente (+5,1%), piuttosto vitale il mercato interno (+14,6%), in un'Europa che è progredita del 6,1%.
In forte ascesa le spese in promozione e pubblicità, passate da 43 a 55,3 milioni di euro, con un incremento straordinario del 28,7%. Ne segue che l'utile operativo è avanzato del 10,7% al lordo di queste voci, ma è sceso del 7,8% in generale. L'utile netto si è ridotto, da 34 a 28,9 milioni di euro, "penalizzato - dicono dalla società - da perdite su cambi per 1,2 milioni di euro e da una base di confronto dell'imposizione fiscale eccezionalmente bassa nel 2004".
Alla voce indebitamento finanziario, si parla di 128,4 milioni di euro contro 65,6 milioni nell'analogo periodo 2004, "un risultato legato essenzialmente alla distribuzione di dividendi avvenuta a maggio, per oltre 65 milioni di euro, il doppio rispetto allo scorso anno, e al fisiologico incremento delle scorte, in vista della seconda parte dell'anno in cui le vendite raggiungono storicamente i massimi livelli".
La capogruppo ha registrato un utile netto di 29,1 milioni di euro (24,1 milioni nel primo semestre 2004), con ricavi composti quasi interamente da ricavi per royalties inerenti la concessione del marchio Bulgari, per un totale di 27,1 milioni di euro (erano 25,1 milioni nel primo semestre 2004). Francesco Trapani, a.d. del gruppo Bulgari, si è dichiarato soddisfatto di questa prima parte dell'anno, costellata da lanci di prodotti e investimenti sul fronte produttivo, ma anche distributivo. A questo proposito, Trapani ha ricordato l'impegno nello sviluppo di negozi Bulgari interamente legati agli accessori e nella nuova linea di haute joaillerie in diamanti, presentata durante l'attuale edizione di Milano Moda Donna. "Concludendo - ha affermato - il buon andamento delle vendite e i grandi progetti su cui stiamo lavorando mi portano a confermare la guidance già fornita al mercato". Per finire, il margine di contribuzione del gruppo è passato da 222,5 milioni di euro nel gennaio-giugno 2004 a 250,6 milioni, "un miglioramento particolarmente significativo se si considera il persistente impatto penalizzante delle valute, il mix negativo di prodotto e il rincaro delle principali materie prime".
a.b.
stats