Burani e Menniti premiati a Milano da Ernst & Young

Due protagonisti della moda sono stati festeggiati ieri sera a Palazzo Mezzanotte a Milano nell’ambito della consegna del Premio Ernst & Young L’Imprenditore dell’Anno. Si tratta di Giovanni Burani, amministratore delegato di Mariella Burani Fashion Group, vincitore per la categoria Finance, e di Domenico Menniti, amministratore unico di Harmont & Blaine, impostosi nella categoria Communication.
Nella motivazione del riconoscimento consegnato a Giovanni Burani, 44enne figlio dei fondatori dell’azienda, entrato nel gruppo subito dopo la laurea, si legge: “Per aver fatto un uso strategico e raffinato della leva finanziaria che, insieme a una precisa strategia commerciale, ha condotto il Gruppo Mariella Burani dal 2000 a oggi - attraverso 50 acquisizioni, un sapiente ricorso al private equity e cinque quotazioni sulla Borsa di Milano e Londra - a imporsi nel panorama internazionale come gruppo diversificato e multibrand nel settore del lusso accessibile”.
Per la Comunicazione il premio è andato a Domenico Menniti, nato a Catanzaro nel 1947 e laureatosi in Giurisprudenza a Napoli. Nel 1986, assieme agli attuali soci - il fratello Vincenzo e Paolo e Massimo Montefusco - dà vita alla P.D.M. che realizza guanti in pelle, per poi passare alla costituzione della Harmont & Blaine, azienda che produce e distribuisce abbigliamento sportivo di alta gamma contraddistinto dal logo a forma di bassotto: una realtà il cui fatturato è cresciuto al ritmo del 30% annuo, arrivando a superare i 40 milioni di euro nel 2008.
All’insegna dell’orgoglio partenopeo è stato il commento di Menniti, particolarmente emozionato per il traguardo raggiunto: “Trasformare i vincoli in opportunità – ha detto – non è uno slogan. Nel Sud d’Italia ci sono grandi risorse intellettuali che dobbiamo impegnarci a mantenere sul territorio. Se il premio assegnato da Ernst & Young all’amministratore di Harmont & Blaine – unica azienda meridionale segnalata – può servire a trasmettere un segnale di fiducia, allora sì che mi sarò guadagnato un ulteriore medaglia”.
Ricordiamo, infine, che il vincitore nazionale assoluto è stato Gian Luca Sghedoni, amministratore delegato di Kerakoll, protagonista mondiale del settore della chimica per l’edilizia. Sghedoni rappresenterà l’Italia all’edizione internazionale del riconoscimento che si terrà a Montecarlo. Il premio Ernst & Young, giunto nel nostro Paese alla sua 12esima puntata, è nato negli Stati Uniti oltre 20 anni fa.
e.a.
stats