Burani e Ungaro: accordo di licenza per Ungaro Fuchsia

Emanuel Ungaro, società controllata dal gruppo Ferragamo, e Jaya, controllata da Mariella Burani Fashion Group, hanno siglato un accordo di licenza per la produzione e la distribuzione della collezione di abbigliamento femminile Ungaro Fuchsia.
L’intesa, dalla durata quadriennale, sarà operativa a partire dalla primavera/estate 2005 e avrà come territorio di competenza l’intera area mondiale.
Oltre alla produzione, Jaya gestirà direttamente anche la distribuzione, affidata alle showroom Emanuel Ungaro di Parigi, Tokyo e New York e a distributori come i F.lli Lubrano di Milano per il resto del mondo. Emanuel Ungaro si occuperà invece dell’aspetto creativo, tramite l’ufficio stile diretto da Giambattista Valli, nonché dell’immagine e della comunicazione, gestite direttamente dalla Casa di moda mediante i propri uffici stampa.
Il prêt-à-porter Ungaro Fuchsia si articolerà in due collezioni (per le due stagioni) e sarà composto da circa 180-200 capi, con un prezzo medio wholesale intorno ai 160-180 euro. L’obiettivo per il prossimo triennio è di raggiungere una produzione di 60.000 capi l’anno e un carnet di circa 300 clienti. Mercati nel mirino sono il Far East, gli Stati Uniti e i Paesi dell’Europa dell’Est, dove la maison Ungaro è già presente con dodici boutique monomarca e corner all’interno dei principali department store.
Jaya, controllata da Mariella Burani Fashion Group, è già licenziataria della linea Mariella de Mariella Burani e può usufruire del network di società facenti parte del gruppo, che spaziano dalla produzione di materie prime (in particolare di tessuti serici uniti e stampati) a quella di maglieria, fino al retail diretto e in franchising costituito da circa 200 punti vendita.
Con il nuovo accordo Emanuel Ungaro incrementa i propri rapporti di licenza nel segmento del womenswear: oltre alla nuova partnership con Jaya per Ungaro Fuchsia, l’azienda è legata alla società trentina Vestimenta per la linea Emanuel Ungaro e a Fiba per Ungaro Fever.
a.t.
stats