Burani nel capitale di Coccinelle

I Burani pronti a fare shopping di nuovo nella pelletteria. Attraverso la partecipata Antichi Pellettieri hanno, infatti, messo gli occhi sull’azienda emiliana Coccinelle, di cui stanno per rilevare una quota del capitale pari al 51%.
L’indiscrezione, apparsa oggi su Il Sole 24 Ore, è stata confermata a fashionmagazine.it da Giovanni Burani, a.d. del Mariella Burani Fashion Group (Mbfg). Il pacchetto è la somma delle quote del fondo Development Capital 1 (il 40%), assistito dall'advisor Altopartners, e di uno dei fratelli azionisti, Marco Mazzieri. Il 49% delle quote appartiene invece all’a.d. Angelo Mazzieri.
Con l’operazione, il gruppo della moda di Cavriago diventerà uno dei maggiori operatori europei nel segmento “lusso accessibile”.
Antichi Pellettieri, che secondo i rumors avrebbe allo studio un progetto di quotazione in Borsa, è la società costituita nel 2001 per valorizzare gli investimenti del Mbfg nel settore pelletteria, al 90% di proprietà dei Burani (tra i marchi in portafoglio conta Francesco Biasia, Braccialini e Baldinini). Nel 2005 ha realizzato una crescita organica del fatturato del 18%, portando i ricavi totali del Mbfg a quota 480 milioni di euro (+12% sul 2004).
Coccinelle fattura circa 50 milioni di euro l’anno, metà dei quali realizzati all’estero, e totalizza un margine operativo lordo di 8 milioni. Il marchio di Parma è distribuito in 50 monobrand e in oltre 1.350 multimarca. Un anno fa circa ha siglato un importante accordo di licenza per la produzione e distribuzione di borse con etichetta Miss Sixty, che entro il 2008 dovrebbe consentire un giro d’affari di 16 milioni di euro.
e.f.
stats