Burberry: +19% nella seconda metà dell'esercizio ma cenni di rallentamento nel quarter

Nella seconda metà dell'anno fiscale Burberry (nella foto, due modelli della primavera-estate 2012) ha realizzato 1,027 miliardi di sterline di ricavi (circa 1,25 miliardi di euro), in aumento del 19% rispetto allo stesso periodo dello scorso esercizio (+18% a cambi comparabili). Particolarmente accelerate le vendite retail che, con un +25%, sono salite a 743 milioni di sterline (+12% a parità di negozi), trainate dal mercato interno ma anche dalla Francia e dalla Greater China.
Il wholesale ha registrato un +7% nei sei mesi, a 230 milioni di sterline, e le licenze hanno generato 54 milioni, in progresso del 10%.
Nel quarto trimestre il fatturato del gruppo con base a Londra ha totalizzato 453 milioni di sterline, in rialzo del 16% rispetto all'analogo periodo dello scorso esercizio, dove però spicca il rallentamento, trimestre su trimestre, del wholesale (da +16% del terzo quarter a -2%) e delle licenze (+1% da +19%). In più il dato è inferiore alle stime degli analisti finanziari: la media di quelli sentiti da Bloomberg ha infatti previsto per il quarter una cifra di 459,8 milioni.
Sulla scia di questa notizia, a metà pomeriggio il titolo registra un calo del 5,6% alla Borsa di Londra, dove viene trattato sotto i 1.500 pence, mentre l'indice Ftse 100 sale dell'1,35%.
A commento dei risultati Angela Ahrendts ha dichiarato che il gruppo, pur restando "vigile" sugli sviluppi del contesto esterno, continuerà a concentrarsi sull'ottimizzazione del brand core, nonché sulle iniziative culturali e digitali, investendo per una crescita sostenibile e profittevole.
Nel fiscal year che si conclude il 31 marzo 2013 Burberry ha in progetto di estendere la superficie dedicata al retail del 12-14%. In particolare, sono in programma 15 nuovi store dedicati alla main line che apriranno i battenti nei mercati emergenti e in città ad alto flusso turistico. Quanto al wholesale, le previsioni al 30 settembre di quest'anno sono di ricavi in aumento a un tasso intorno al 5% (a cambi costanti).
e.f.
stats