Burberry archivia il semestre con un balzo in avanti delle vendite dell'8%

Chiude con ricavi per 347 milioni di sterline il bilancio semestrale di Burberry: un rialzo dell’8% rispetto all’analogo periodo del 2003, che aumenta al 14% nella valutazione a cambi comparabili. Rose Marie Bravo, ceo della griffe britannica, ha evidenziato "l’incoraggiante" progresso dei ricavi derivanti dalle licenze, pari al 31% a valute costanti.
Secondo la Bravo, il successo della nuova fragranza maschile Burberry Brit è stato uno dei driver della performance del fatturato “licence”, che ha raggiunto i 39 milioni di dollari.
Le componenti della voce ricavi di maggior peso, retail e wholesale, hanno totalizzato rispettivamente 111 e 197 milioni di sterline, entrambe in rialzo a doppia cifra (a cambi costanti).
Il mercato più dinamico, per il gruppo del lusso londinese, è l’Asia-Pacifico (+29% a cambi costanti), seguito dagli Stati Uniti (+15%), mentre l’Europa va più a rilento (+7%).
Tra i programmi del gruppo, nella seconda parte dell’anno, è confermata l’apertura di quattro nuovi spazi, così da incrementare la rete vendita di circa il 7% per la fine dell’esercizio. Il terzo trimestre, in particolare, ha in agenda l’opening di un monomarca a Roma (vedi fashionmagazine.it di ieri) e la riapertura degli store di San Francisco e Parigi, completamente rinnovati.
e.f.
stats