Burberry cresce del 30% nel trimestre

Nel primo trimestre fiscale chiuso il 30 giugno, Burberry (nella foto, alcuni look per la prossima stagione invernale) ha totalizzato ricavi pari a 282 milioni di sterline (circa 338 milioni di euro), in aumento del 30% rispetto allo stesso periodo del 2009 (+24% a cambi costanti). Il canale wholesale, dove ha deluso solo l'Europa, ha registrato un +51% (+46% a valute invariate).
Le vendite retail, che non tengono conto del business in Spagna (in via di ristrutturazione), sono aumentate del 21% (+16% a cambi comparabili), trainate dall'outerwear e dal segmento non apparel, con tassi di crescita a doppia cifra in Europa e Asia-Pacifico (specialmente in Regno Unito, Italia, Germania, Hong Kong e Taiwan). A parità di negozi il primo quarter ha rivelato un recupero del 10%.
A commento della trimestrale il ceo Angela Ahrendts ha confermato l'apertura di 20-30 nuovi store nel fiscal year in corso, prevalentemente nelle Americhe e nell'area Asia-Pacifico. Per l'intero esercizio le stime sono di un +10% circa della superficie dedicata alle vendite al dettaglio (Spagna esclusa). Quanto al wholesale, le previsioni dei vertici sono di una crescita “significativa” in tutti i mercati di riferimento tranne quello europeo, dove continua la razionalizzazione degli “small specialty account”.
e.f.
stats