Burberry cresce del 6% nel primo semestre

Nel semestre chiuso lo scorso 30 settembre, Burberry ha registrato ricavi per 572 milioni di sterline (circa 613 milioni di euro), in progresso del 6% rispetto all’analogo periodo del 2008. A trainare il fatturato il segmento non-apparel (borse e piccola pelletteria).
Il turnover del player inglese, a valute costanti, arretrerebbe del 5%. A livello distributivo, la società ha messo a segno un balzo del 14% - a cambi correnti - nella zona Emea, Spagna esclusa: in questo Paese le vendite sono crollate del 31%. A controbilanciare la débâcle in terra iberica, le Americhe (+7%) e l’area Asia-Pacifico (+15%). Il canale retail ha sviluppato un giro d’affari in crescita del 27%, mentre il segmento wholesale ha evidenziato una performance negativa (-15%).
Nello specifico del secondo trimestre, i ricavi aziendali si sono attestati a 343 milioni di sterline (oltre 367 milioni di euro), avanzando del 4,6% e battendo le aspettative degli analisti che, secondo quanto riportato da Reuters, oscillavano fra 320 e 335 milioni di sterline.
Nel semestre appena cominciato, il gruppo guidato da Angela Ahrendts prevede un calo del giro d’affari wholesale del 15% (a cambi costanti), mentre la superficie di vendita totale dovrebbe incrementarsi dell’8-10%. On schedule inoltre l’apertura di 15 nuovi store, principalmente in Asia e nelle Americhe.
d.p.
stats