Buyer in aumento a Touch!, NeoZone e Cloudnine

"In tempi come questi anche un piccolo incremento è da leggersi come un risultato molto importante": con queste parole Agostino Poletto, vice direttore generale di Pitti Immagine, ha commentato le cifre di chiusura dei saloni Touch!, NeoZone e Cloudnine.
Su un totale di 9mila visitatori, i compratori sono stati 7.150 (+2% rispetto ai 7mila registrati un anno fa), con una crescita degli italiani, a quota 6.250, e una sostanziale stabilità degli stranieri.
Tra i 900 addetti ai lavori provenienti da oltreconfine, in avanzata a doppia cifra russi (+50%), inglesi (+47%), statunitensi (+33%) e giapponesi (+15%), con ottimi riscontri anche da Corea del Sud, Olanda e Cina. Cali da Spagna e Grecia, conferme da Francia e Germania.
Come sottolinea Poletto, "il pubblico delle nostre rassegne è in crescita ormai da qualche edizione (+14% il numero dei buyer nel febbraio 2011) e la risposta degli italiani ci fa ben sperare in un ritorno positivo per i consumi nazionali".
Il manager elenca i punti di forza del triplice appuntamento "by Pitti Immagine": "Lo scouting di novità, la selezione di collezioni capsule di grande qualità e potenzialità sul mercato, così come i tanti designer e brand emergenti, che hanno raccolto consensi tra giornalisti e retailer. E poi tutto il mondo degli accessori: sempre più apprezzato dai migliori buyer, per ampliare e rinnovare l'offerta delle loro boutique".
Tra le aree più visitate spicca The Green Closet, sezione promossa dal Consolato Generale Britannico e da UK Trade & Investment, che ha acceso i riflettori sia sull'"Ethical Fashion Africa Programme" di Vivienne Westwood, sia sulle creazioni eco-fashion di alcuni interessanti brand britannici.
Da domani, sul sito pittimmagine.com, sarà online uno speciale su Touch!, NeoZone e Cloudnine, con interviste video girate durante questa tre giorni. Inoltre, come già in occasione del precedente appuntamento, la fiera digitale e-pitti.com prende il testimone da quella reale, permettendo alle aziende di continuare trattative e ordini durante il prossimo semestre, grazie anche all'allestimento di showroom virtuali.
a.b.
stats