Byblos: in vista il lancio della linea Blu uomo

Prosegue il piano di rilancio di Byblos, brand passato lo scorso anno dal gruppo Prada alla Swinger International. Tra i progetti in cantiere: il lancio della collezione Blu uomo, un'ulteriore licenza per la moda infantile (focalizzata sulla fascia zero-sei anni), la nascita delle linee di lingerie e beachwear e lo sviluppo di un ampio programma retail. Per la società proprietaria del marchio c'è invece all'orizzonte l'acquisizione di una nuova licenza.
"Si tratta di un'operazione a 360 gradi - ha detto Alfredo Pianezzola, direttore generale della Swinger International -. In un anno abbiamo portato all'interno della nostra azienda la produzione del prêt-à-porter uomo e donna e alla scadenza del contratto con Sportswear International anche della seconda linea Blu, che al momento è solo femminile".
La presentazione della collezione maschile dell'etichetta più giovane è prevista per il prossimo gennaio, mentre il lancio sul mercato è stato fissato per l'autunno/inverno 2004-2005. "Con l'acquisizione dal gruppo Prada - ha aggiunto il manager - alcune delle licenze sono state confermate, come quelle con Luxottica per l'eyewear, Diana De Silva per i profumi, Novarese per le calzature uomo e Spazio Sei Fashion Group per il childrenswear (6-16 anni). Recentemente abbiamo concluso un accordo con Zengarini per la produzione e distribuzione delle scarpe donna e con Sival per la pelletteria".
I prossimi step riguarderanno invece la creazione di una linea baby/kid dai zero ai sei anni, che sarà presente nei negozi già a partire dall'autunno/inverno 2004-2005, e la concessione delle licenze per l'intimo e la moda mare. "Per quanto riguarda la collezione infantile - ha specificato Pianezzola - stiamo valutando se affidarla a Spazio Sei Fashion Group, già nostro partner, oppure se firmare un accordo con un'altra azienda, mentre per le linee beachwear e lingerie, che saranno lanciate il prossimo anno, la scelta è tra due importanti realtà".
Se da un lato il restyling del marchio ha riguardato l'ampliamento del range di prodotti, dall'altro prosegue con lo sviluppo del progetto retail avviato qualche mese fa. Dopo l'apertura di uno spazio di 160 metri quadrati a Roppongi, area trendy di Tokio, e l'inaugurazione di una boutique e di due shop in shop a Seul e Pusan in Corea, il tour degli opening toccherà Mosca con un punto vendita - che sarà operativo a settembre, all'interno del Crocus center in partnership con il distributore Crocus - e poi, agli inizi del 2004, Milano con un flagship store nel quadrilatero.
"I mercati del Far East e del Bacino del Mediterraneo stanno andando molto bene - ha sottolineato il direttore generale -. Per questa ragione stiamo cercando con l'aiuto dei partner locali ad Atene, Barcellona e Lisbona alcune location per aprire dei flagship store. Sul Giappone invece abbiamo già definito con il nostro distributore Misaki un piano di sviluppo che prevede l'avvio in cinque anni di tredici punti vendita a insegna Byblos o Blu. Per quanto riguarda invece il Sud-est asiatico, mercato per noi di grande interesse, a causa dei problemi causati dalla Sars abbiamo dovuto bloccare alcune trattative in corso sia in Cina che a Taiwan".
Quello di Byblos è dunque uno sviluppo che prosegue su più fronti, i cui frutti si cominciano a riflettere sul bilancio aziendale. Superando ogni più rosea aspettativa, nel 2002 la griffe ha realizzato vendite per 15 milioni di euro, pari al 30% dell'intero giro d'affari della Swinger International, che si è aggirato intorno ai 50 milioni di euro. Per l'attuale esercizio la società di Bussolengo (Vicenza) che produce e distribuisce in licenza le linee Rocco Barocco jeans, Laura Biagiotti Roma e Vivienne Westwood Anglomania, prevede di chiudere con un incremento del 25%. "Byblos a parte, all'interno della nostra azienda - ha concluso Pianezzola - c'è ancora spazio per nuove licenze. Riceviamo in continuazione proposte, ma al momento stiamo seriamente valutando due realtà di rilievo già presenti sul mercato. Una è italiana, mentre l'altra riguarda uno stilista europeo".
v.s.
stats