CSP international Fashion Group annuncia l’acquisizione di Liberti

La società mantovana quotata in Borsa, produttrice e distributrice di calze, collant, intimo, costumi da bagno, maglieria di marchi propri e per conto terzi, ha perfezionato l’acquisto del marchio Liberti, di cui aveva annunciato l’offerta lo scorso febbraio.
Già produttrice di Sanpellegrino, Oroblù, Lepel, Le Bourget e distributrice di calze, intimo e mare per i marchi Puma, Sergio Tacchini, Miss Sixty, Energie, CSP inserisce la nuova acquisizione in una strategia tesa a valorizzare la diversificazione merceologica, le attività distributive e le marche a elevata marginalità. Liberti, insieme al brand Lepel, rafforzerà infatti la posizione dell’azienda nel mercato della corsetteria. Lingerie, costumi da bagno e maglieria haut de gamme saranno venduti attraverso il canale del dettaglio specializzato destinato a un target elevato di consumo.
Liberti ha realizzato negli ultimi tempi oltre 10 milioni di euro di fatturato annuo, con 1.500 clienti attivi in Italia e distributori in una decina di Paesi esteri. CSP ha, dal canto suo, chiuso il 2007 con un fatturato consolidato di 118 milioni di euro, conta 750 dipendenti tra Italia e Francia e distribuisce i suoi prodotti in 52 Paesi del mondo. Nel primo semestre dell’anno in corso, il fatturato è stato pari a 53,7 milioni, con un incremento dello 0,7% rispetto l’anno precedente.
La neo acquisizione riguarda solo il marchio e nessun’altra attività o passività della società Liberti Spa, e avrà effetti sui ricavi di CSP a partire dalla fine del 2008. Domani, 22 luglio, si terrà la prima convention di vendita dove saranno presentate le collezioni Liberti Natale 2008, Corsetteria primavera-estate 2009 e Mare 2009.
e.b.
stats