Caleffi: nel primo trimestre 2008 i ricavi ammontano a 14,4 milioni di euro

Caleffi, azienda specializzata nel settore dell’home fashion, ha riportato, al 31 marzo 2008, un fatturato consolidato di 14,4 milioni di euro. L’ebitda si è attestato a 1 milione di euro (6,8% sul turnover complessivo), mentre l’ebit consolidato ha raggiunto quota 600 mila euro.
La società - quotata al mercato Expandi - ha effettuato 400 mila euro di investimenti per il periodo in considerazione, ma ha evidenziato una posizione finanziaria netta negativa per 12 milioni di euro, da attribuirsi principalmente all’acquisizione del 55% delle azioni di Mirabello, noto marchio di biancheria per la casa (vedi anche fashionmagazine.it del 22 gennaio 2008). Al 31 dicembre 2007, la posizione finanziaria netta era in rosso per 3,9 milioni di euro.
Con l’acquisizione di Mirabello - che realizza il 60% dei ricavi oltrefrontiera, ndr - Caleffi punta a consolidare la propria presenza nella fascia alta di mercato e ad accelerare il processo di internazionalizzazione. Una ulteriore spinta alla crescita potrebbe provenire dal recente accordo di licenza con il brand Sweet Years.
Per il 2008, la società proseguirà la strategia di “brand extension” e di espansione internazionale, pur in presenza di forti incertezze sul mercato estero e su quello nostrano. “Il primo trimestre 2008 è stato caratterizzato da un rallentamento dei consumi dovuto all’attuale congiuntura economica” puntualizza Guido Ferretti, ceo di Caleffi, che aggiunge: “Le azioni strategiche intraprese, l’acquisizione di Mirabello e la licenza Sweet Years, gli importanti investimenti in comunicazione e nella rete distributiva, ci consentono di essere positivi sull’evoluzione futura dei risultati aziendali”.
d.p.
stats