Calzature cinesi: l'Ue contro la proroga di 15 mesi delle restrizioni all'import

Il Comitato dell'Ue a 27 ha votato contro la proroga di 15 mesi dei dazi antidumping per le calzature provenienti da Cina e Vietnam: 15 Paesi hanno infatti espresso parere contrario al prolungamento di questa misura che, secondo l'Anci, rappresenta la base per giocare tutti secondo le stesse regole. Se ne tornerà a parlare domani, al convegno indetto a Rimini dall'associazione italiana di categoria.
Pro-dazi, oltre all'Italia, Francia, Spagna, Grecia, Bulgaria, Ungheria, Polonia, Portogallo, Romania e Slovenia. Contro invece Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Svezia e Regno Unito. "Scheda bianca" per Lituania e Slovacchia.
Il presidente di Anci, Vito Artioli, non si perde d'animo: in un'intervista a Il Sole 24 Ore dichiara che è stata persa una battaglia ma non la guerra, visto che comunque l'ultima parola spetterà al Consiglio dei Ministri dell'Unione.
Sicuramente, l'argomento terrà banco durante il convegno annuale che Anci organizza domani alla Fiera di Rimini, dal titolo "Approccio strategico e visione internazionale per i brand italiani: quale futuro post crisi per l'Italia?" (vedi anche fashionmagazine.it di ieri). Durante l'incontro Paola Leoni, a.d. di Cva-Corporate Value Associates, illustrerà i risultati di uno studio realizzato per l'associazione, offrendo spunti di riflessione per le successive tavole rotonde, la prima delle quali coordinata dalla stessa Paola Leoni, che lascerà il posto per le altre due a Sara Cristaldi, caporedattore di Mondo e Mercati de Il Sole 24 Ore: tra i relatori spiccano i nomi di Luigi Serio (professore di Economia e Gestione delle Imprese dell'Università Cattolica), Diego Dolcini (shoe designer e artefice dell'omonimo brand), Sylvie Gisquet (fondatrice e ceo di Ginko Market Research), Paolo Quaini (direttore commerciale della business unit Efficienza Energetica e Sviluppo Sostenibile di Edison), Emanuele Sacerdote (vice presidente del Business Development di Moleskine) e Barbara de Magistris (retail director di Value Retail). Un panel trasversale per allargare il focus oltre l'industria delle scarpe e analizzare a 360 gradi i modelli emergenti di consumo e di acquisto.
a.b.
stats