Cambio della guardia in Petit Bateau Italia

Giuseppe Lopresti è il nuovo direttore generale di Petit Bateau Italia. Prende il posto di Enrico Ruffa, che dall'inizio di quest'anno è passato alla guida delle aree Europa e Medio Oriente e ha spostato la propria sede operativa da Milano a Parigi.
Lopresti, 45 anni, ha lavorato con incarichi manageriali in vari settori tra cui la cosmesi, fino ad approdare in tempi recenti ai vertici di Fiat Auto. A lui il compito di proseguire sulla traccia delineata da Ruffa, in un mercato prioritario per il brand francese di abbigliamento per il bimbo e l'adulto.
In primo piano sono i progetti distributivi: dopo gli opening di Bologna e Verona (quest'ultimo con tre vetrine affacciate sulla centralissima piazza delle Erbe e una superficie di 140 metri quadri), entro fine maggio sarà la volta di Vercelli, Varese, Avellino e Palermo, in modo da arrivare a quota 32 negozi nella Penisola, dove è comunque importante anche la presenza presso 500 multimarca e all'interno di Coin, con una trentina di corner.
Il giusto equilibrio tra sviluppo retail e wholesale è, come spiega Enrico Ruffa, anche la chiave di volta delle strategie in area Emea, in un momento in cui i risultati premiano il marchio, fondato nel 1893 e sinonimo di un mix di qualità, prezzo equilibrato e attenzione al servizio. Senza rivelare cifre, Ruffa sottolinea che sia nel Vecchio Continente, sia nel nostro Paese la crescita durante il primo trimestre 2010 è stata a doppia cifra. A livello di prodotto, da segnalare una novità al lancio con il prossimo autunno-inverno: una capsule collection giocata sui toni del bianco e del blu, realizzata in collaborazione con la stilista giapponese di nascita e parigina d'adozione Tsumori Chisato.
a.b.
stats