Canali e Guaber firmano un accordo di licenza per il profumo

Momento di grande fermento per la Canali, che ha firmato ieri un accordo con Guaber per il lancio del profumo Canali nel 2005, sta aprendo nuovi negozi e si appresta a chiudere il bilancio 2003 con un aumento del 5% del fatturato (146 milioni di euro nel 2002).
L’accordo con Guaber – che già produce varie fragranze griffate tra cui Iceberg, Les Copains, Mariella Burani, Brooksfield, Gas – prevede anche lo sviluppo di una linea cosmetica: prodotti per il bagno e, in un secondo momento, probabilmente pure creme. Il profumo sarà distribuito in profumerie selezionate, nei monomarca Canali e quasi sicuramente nei duty free.
E a proposito di monomarca, prosegue a ritmo serrato l’apertura di boutique Canali, che attualmente hanno già superato la trentina: la settimana scorsa è stato inaugurato uno store a Tokyo e la prossima verrà aperto il secondo punto vendita di Mosca, con il nuovo concept che caratterizza anche la ristrutturazione e l’ampliamento (da 200 a 600 metri quadrati) del negozio di Milano. La riapertura di quest’ultimo è prevista per la metà di aprile. Per maggio è invece in programma l’opening di Dubai e per giugno quello di Bombay.
La Canali, che quest’anno compie settant’anni (è nata nel 1934) si appresta a chiudere il bilancio 2003 con un incremento del 5% del fatturato (che era di 146 milioni di euro nel 2002): un risultato dovuto alla buona tenuta del mercato Usa, che rappresenta il 30% delle vendite dell’azienda, e allo sviluppo di nuovi mercati, Russia e Cina in primis.
c.mo.
stats