Caporea porta a White Kids due collezioni distinte e punta sui multibrand e Internet

Tra le realtà del childrenswear che esporranno a partire da domenica a White Kids anche il marchio Caporea che si presenta al salone con due stand distinti, uno per Caporea Boy e uno per Caporea Girl.
La filosofia del brand rigorosamente made in Italy, nato nel 2005 a Bassano del Grappa dall’estro e dall’imprenditorialità di Monica Crestan “raddoppia” così la proposta: le due collezioni, infatti, potranno anche avere una distribuzione separata.
Non solo. Oggi View, la realtà a cui fa capo il marchio, vuole instaurare una collaborazione più stretta con i punti vendita che hanno condiviso fin dall’inizio la sua avventura: l’obiettivo è garantirsi una presenza sempre più incisiva e di maggiore impatto nelle boutique italiane di childrenswear di maggiore prestigio, mettendo a disposizione dei dettaglianti un’estrema “sartorializzazione” della interattività con l’azienda, che sosterrà i singoli interlocutori con vetrine, eventi mirati e servizi commerciali specifici.
Già nota al grande pubblico per la “partecipazione” a film e fiction televisive di successo come “I Cesaroni”, la label intende ora instaurare un rapporto diretto con mamme e bimbi attraverso il nuovo sito Internet, sul quale i consumatori potranno contribuire a creare le collezioni delle stagioni a venire.
View intanto è in espansione anche all’estero, con una particolare focalizzazione sui mercati europei e orientali.
c.mo.
stats