Cartier: come una "maison de verre" la nuova boutique di Tokyo

Cartier ha inaugurato sabato una boutique a Tokyo, nel quartiere chic di Aoyama, dove già si affacciano le vetrine di Prada e di Louis Vuitton.
L'edificio dalle pareti trasparenti (battezzato "la maison de verre") evoca simbolicamente la lucentezza del diamante. Nei 548 metri quadrati di superficie, ripartiti su tre piani, la Maison francese propone non soltanto i suoi leggendari gioielli, ma intende anche organizzare mostre tematiche che illustrino la sua storia. In effetti questo negozio, a differenza degli altri che la griffe di lusso conta a Tokyo (situati principalmente nei grandi magazzini più lussuosi), avrà il compito di fare conoscere ai giapponesi "diversi aspetti sconosciuti di Cartier".
Nello stesso stabile, due piani sopra il punto vendita, lo chef "tre stelle" Pierre Gagnaire inaugurerà domani il suo primo ristorante nella capitale. Il Giappone, come ricorda l’Agenzia France Presse, rappresenta un quarto delle vendite mondiali dell’industria del lusso. Un mercato su cui i grandi gruppi internazionali confluiscono con armi di seduzione sempre più affilate.
g.p.
stats