Cesare Paciotti riapre il monomarca di Madison Avenue

Dopo un accurato restyling durato due mesi, ha riaperto i battenti lo store newyorkese di Cesare Paciotti: con un nuovo concept d’immagine - inaugurato con il punto vendita londinese - che dovrebbe estendersi alla altre 26 boutique worldwide, la griffe marchigiana punta a consolidare la presenza negli States e portare il fatturato a 95 milioni di euro entro il 2008 (76 nel 2007).
Situato in Madison Avenue 833, lo spazio si articola su due livelli, occupando una superficie di circa 200 metri quadri. Pavimenti in marmo, espositori che sembrano scatole di gioielli, specchi come cornici barocche intercalati da divani bianchi e neri con bottoni in metallo: gli interni del negozio sono stati studiati per esaltare l’universo creativo del marchio, composto da borse, piccola pelletteria, occhiali, gioielli, scarpe da uomo e le immancabili calzature donna dai tacchi vertiginosi, indiscusse protagoniste della scena.
Il rinnovo del flagship store - curato dall’architetto Marco Lucchi dello studio Mla - segna un momento importante per l’azienda: a breve il nuovo concept verrà riproposto nell’altro avamposto a stelle e strisce (a Los Angeles) e poi a Milano, mentre il mercato Usa si conferma come uno fra i più ricettivi per le proposte di Cesare Paciotti, che dopo il Belpaese (52% del giro d’affari complessivo), vende prevalentemente in America e Russia.
d.p.
stats