Chanel riduce del 10% il proprio organico

La crisi economica colpisce anche Chanel. In Francia la società non avrebbe rinnovato 200 contratti a tempo determinato (pari al 10% dei dipendenti), in scadenza lo scorso 31 dicembre. Qualche settimana fa la maison aveva soppresso la tournée mondiale "Mobile Art Exhibition".
La notizia è riportata da molti organi di stampa, mentre la fashion house di proprietà della famiglia Wertheimer non ha rilasciato dichiarazioni o smentite. Da quanto si è appreso da fonti sindacali, la griffe starebbe scontando gli effetti del calo dei consumi nel segmento luxury: i tagli riguarderebbero prevalentemente l’unità produttiva di Vernueil-en-Halatte (profumi, cosmetici e accessori) e lo storico negozio parigino di rue Cambon (lo store dovrebbe ridurre l’organico di 16 unità).
Secondo gli esperti, dice Le Parisien, nel quarto trimestre del 2008 le vendite dei più importanti gruppi del lusso (fra questi Chanel, Louis Vuitton, Cartier) sono arretrate del 5% Oltralpe, mentre nel 2009 la flessione dovrebbe attestarsi al 3%. Per il momento, solo Hermès sembrerebbe resistere alla crisi.
d.p.
stats