Christian Dior: volano a quota 637 milioni di euro gli utili 2002

Christian Dior chiude il 2002 in bellezza. La holding che controlla il colosso del lusso Lvmh ha infatti annunciato che, nonostante la difficile situazione economica internazionale, il fatturato consolidato è balzato del 5%, mentre l'utile netto è volato da 3 milioni di euro del 2001 a quota 637 milioni.
A far salire i profitti è stato l'abbassamento delle quote di interessi pagati dovuto a una diminuzione del debito. Un 2002 dunque brillante che, se da un lato ha visto aumentare il giro d'affari da 12,567 miliardi di euro a 13,168 miliardi, dall'altro ha registrato un incremento pari al 31% del risultato operativo salito a quota 2,034 miliardi. Alla crescita dei conti aziendali hanno contribuito i risultati raggiunti dal gruppo Lvmh che la scorsa settimana aveva annunciato utili per 556 milioni di euro e una redditività pari a 2,008 miliardi di euro. Per quanto riguarda invece la divisione Christian Dior Couture, il cui fatturato ha raggiunto i 492 milioni di euro (+41%), l'incremento è dovuto sia al successo delle collezioni disegnate da John Galliano che al contributo di Hedi Slimane per Dior Homme. Dopo un inizio positivo, le previsioni della holding francese per il 2003 sono di mettere a segno una ulteriore crescita dell'utile operativo.
v.s.
stats