Città della Moda: presentato oggi il progetto affidato da Hines a Cesar Pelli

Presentato oggi a Milano, a Palazzo Marino, il progetto "La Città della Moda" affidato a Cesar Pelli relativo all’area privata di Garibaldi-Repubblica, di cui Hines Italia detiene l’86% dei diritti edificatori. A illustrare il master plan, oltre al noto architetto, Riccardo Catella e Manfredi Catella, rispettivamente amministratore delegato e direttore generale di Hines Italia.
Il master plan di Cesar Pelli, realizzato nell’ambito del planivolumetrico predisposto dall’architetto Nicolin, comprende un’area privata di oltre 110mila metri quadri, di cui 15 mila a uso residenziale, 10 mila a uso commerciale, 50 mila a uffici, 15 mila a uso ricettivo e 20 mila a uso espositivo. Per quanto riguarda i singoli edifici, il master plan di Pelli sarà declinato tramite gare a invito tra architetti italiani e stranieri, promosse e coordinate da Hines Italia.
Sarà prevalentemente un’isola pedonale dotata di uno spazio urbano aperto dedicato agli eventi, con oltre un chilometro di percorsi pedonali e ciclabili. Pelli ha studiato gli spazi pubblici in modo tale che si possano utilizzare anche per sfilate, eventi e manifestazioni. Tutto si svilupperà intorno a un "Podio", un’enorme piazza pedonale di 100 metri di diametro, situata a sei metri di altezza, che sorgerà tra l’imbocco di Corso Como e la Stazione Garibaldi.
Ad attorniare il "Podio", palazzi ecosostenibili in vetro e ferro da 11 a 145 metri riservati a residenze e uffici, ma anche a spazi dedicati a moda, creatività, comunicazione e produzione. La piazza sarà chiusa da un albergo di 300 camere e sarà animata dalla presenza di ristoranti, caffetterie, negozi, luoghi deputati alla cultura e alla musica.
Sotto il "Podio" ci saranno strade e oltre 40 mila metri quadri destinati a parcheggi. Si prevede inoltre la costruzione del capolinea della metropolitana 5. Si affacceranno sul parco, invece, la Scuola di Alta Formazione e il Modam, per i quali nel 2005 la Città della Moda bandirà un concorso internazionale di progettazione.
Per lo sviluppo del progetto "La Città della Moda" è stata costituita un’apposita società di progetto, la Caprera srl, controllata al 100% dal fondo Hines European Development Fund, che raccoglie i capitali di investitori istituzionali europei e americani.
"Progettare il planivolumetrico della Città della Moda – ha dichiarato Pelli – è stata una sfida complessa ma entusiasmante, perché andava a inserirsi in un grande piano di riqualificazione urbana, qual è Garibaldi-Repubblica, che mira a far rinascere una parte della città e a ricollegare i quartieri adiacenti". "In secondo luogo – ha aggiunto l’architetto – il master plan doveva tenere conto di infrastrutture già esistenti e di altre in via di realizzazione, come la nuova linea metropolitana M5, e fare in modo che le fondamenta degli edifici andassero a interferire il meno possibile con tutto il sistema viario".
c.me.
stats