Comune di Milano e Romeo Gigli insieme per il "Progetto laboratorio"

Presentato stamane "Progetto laboratorio", un’iniziativa che vede il Comune di Milano collaborare con la maison Romeo Gigli: sei giovani talenti africani - due del Ghana, due del Senegal e due del Kenya - andranno a lavorare nell’ufficio stile della celebre casa di moda, realizzando una mini collezione d’abbigliamento, dal nome Romeo Gigli Lab, ispirata al mood della storica griffe ma anche intimamente legata agli influssi dei rispettivi background culturali.
Questa grande opportunità di accoglienza e formazione va a inserirsi nell’ambito del “Progetto One Dream One City” - ideato da Andrea Mascaretti, assessore alle Politiche del Lavoro e dell’Occupazione - volto ad attrarre nel capoluogo lombardo nuovi creativi (studenti, ricercatori, manager) nel campo del design e della moda. “Con “One Dream One City” il nostro obiettivo è quello che i giovani migliori scelgano Milano come città dove crescere, formarsi e investire i loro talenti” ha sottolineato Mascaretti. “Oggi - ha aggiunto - grazie alla maison Gigli parte questa iniziativa tanto bella quanto concreta che ospiterà sei new name eccellenti da tre Paesi africani”.
I frutti di questa collaborazione verranno alla luce nel gennaio 2009, quando sarà presentata la collezione uomo “Romeo Gigli Lab” per l’autunno-inverno 2009/2010. Il Comune di Milano, inoltre, seguirà costantemente l’attività dei sei designer, fornendo corsi intensivi di lingua italiana, attività culturali e ricreative, tutoring per tutta la durata del progetto. Si aspetta ora di conoscere solo la rosa dei prescelti.
d.p.
stats