Con You Nguyen nuovo mix tra prodotto e retail per Benetton

Non un semplice stilista, ma una figura a cavallo tra creatività e marketing, che si occupi a 360 gradi delle collezioni, del design dei punti vendita e della comunicazione. È questo il ruolo che il gruppo Benetton ha deciso di ritagliare per You Nguyen (nella foto), il nuovo chief merchandising officier e creative director di United colors, presentato ieri sera negli spazi milanesi della società in corso di Porta Vittoria.
“A un certo punto – racconta Alessandro Benetton, vicepresidente del gruppo – abbiamo deciso che dovevamo trovare il modo per fare ancora meglio quello che da sempre ci riesce bene: la maglieria e il colore. E per far questo avevamo bisogno di una figura nuova in azienda, che rifocalizzasse in chiave più contemporanea il nostro dna”. “Quando abbiamo incontrato You -prosegue - abbiamo subito capito che era la persona che faceva al caso nostro grazie alla sua esperienza all’interno di una grande gruppo cosmopolita come il nostro (Levi Strass & Co, ndr) e il suo legame diretto con un mercato strategico come l’Asia”.
Il debutto ufficiale dello designer-manager vietnamita all’interno del gruppo di Treviso sarà con le collezioni uomo, donna e accessori della primavera-estate 2012 che, nei piani della società, dovrà distinguersi per una moda concreta e di qualità al giusto prezzo. “Non sono uno stilista – tiene a precisare Nguyen – per questo non arrivo in Benetton con l’intenzione di rivoluzionare il prodotto. Continuerò a lavorare con il team creativo dell’azienda rispettando la sua identità, certo la mia visione internazionale aiuterà il brand ad avvicinarsi alle nuove generazioni”. Tra le priorità del nuovo chief merchandising officier ci sarà quella di ripensare l’architettura e l’atmosfera degli oltre 6.000 punti vendita Benetton presenti in oltre 120 Paesi. “I nostri store – conclude – non devono limitarsi a essere dei luoghi dove si vendono e si acquistano abiti, ma diventare delle piattaforme di comunicazione. Nei prossimi mesi lavoreremo molto su questo aspetto”.
a.bi.
stats