Conto alla rovescia per la London Fashion Week

La London Fashion Week apre le porte alle iniziative off schedule: il calendario della prossima edizione, dal 19 al 23 settembre, include infatti Fashion East, l’evento all’interno del quale sfileranno gli stilisti emergenti Ebru Ercon, Richard Nicoll e Adam Entwisle.
Il British Fashion Council (Bfc) ha inoltre dato il benestare alla prima edizione del concorso per nuovi stilisti Fashion Fringe, il cui vincitore riceverà un premio di centomila sterline. Il Bfc ha deciso di collaborare anche con gli organizzatori della rassegna On/Off, i quali si sono assicurati l’uso di un nuovo spazio della Royal Academy of Art, dove avranno luogo una decina di sfilate fra cui Camilla Staerk, Jens Laugesen, Customers Own Property ed Emma Cook.
Fra le new entry nel calendario ufficiale, da segnalare Giles Deacon, già stilista per Bottega Veneta e Gucci, e Ashish, uno dei più interessanti debutti della edizione di febbraio. Da tenere d’occhio poi Gardem, la label di Garen Demerdjan (stilista libanese di base a Parigi) e Swash, al secolo Sarah Swash e Tashio Yamanaka, già vincitori al Fashion Festival di Hyères.
In rappresentanza della moda australiana e neozelandese, da menzionare Zambesi, Karen Walker, Andy Soma e Claude Maus. Assenti invece dal calendario numerosi nomi prestigiosi: Pringle of Scotland e Sophia Kokosalaki in primis, così come Gibò by Julie Verhoeven, Ghost, Maria Chen-Pascual e House of Jazz.
p.o.
stats