Cotton Belt: scompare lo stilista Roberto Francardo

Non riuscirà a vedere il debutto della sua ultima fatica, Roberto Francardo. Lo stilista, inventore dei marchi Bell Bottom ed El Charro e uno dei “padri fondatori” dell’abbigliamento casual degli anni Settanta, è deceduto all’età di 70 anni.
L’imprenditore torinese, malato di cancro, è mancato qualche giorno fa alla clinica Fornaca del capoluogo piemontese. Il prossimo 21 giugno, in occasione di Milano Moda Uomo, avrebbe presentato le nuove collezioni Cotton Belt (brand nell’orbita della Mistral, che l’ha acquisito nel 2004 dal Gruppo Fratini), con l’evento Textures of Africa, a sostegno del progetto Unicef contro i bambini soldati in Sudan: una “call to action” dedicata a buyer, stampa, addetti ai lavori e vip del cinema, della musica e della televisione, al fine di prestare il proprio volto per dire no a questa triste realtà. L’happening, che si terrà presso il Vivaio Riva di via Arena 7, sarà dunque un’occasione per ricordare l’estro creativo dello stilista.
Nato a Torino da padre siciliano, Roberto Francardo aveva una predilezione per la tela indigo, malleabile e anticonformista: nel 1969, in tandem con il veneziano Francesco Famea, aveva lanciato i jeans Bell Bottom, riuscendo a sottrarre quote di mercato alle label a stelle a strisce, allora quasi monopoliste del segmento denim, mentre nel 1985 aveva preso in licenza El Charro, facendone un’etichetta di pantaloni cult, finché non la cedette alla famiglia Caravatti di Gallarate.
Vulcanico, ironico e pieno di idee, Francardo – consulente anche per Hugo Boss, Aspesi, Castelbajac e Robe di Kappa – recentemente si era lasciato conquistare da altri progetti, rilanciando (con il fratello Fabio e l’amico Walter Viganò) Big-E, un marchio che aveva depositato nel 1970, e lavorando alla linea Andrea Francardo, realizzata con le figlie Andrea e Benedetta. “Era un leone, d’aspetto e di carattere - lo ricorda l’ex moglie Maddalena Marrone -. Ha vissuto sempre al massimo, senza mezze misure. Di uomini del genere non ne esistono più”.
a.t.
stats