Csp International Fashion Group verso l'acquisizione del marchio Liberti

Csp, realtà quotata alla Borsa Italiana e produttrice di calze, collant, intimo, costumi da bagno e maglieria esterna con i marchi Sanpellegrino, Oroblù, Lepel e Le Bourget (nonché distributrice dei brand Puma, Sergio Tacchini, Miss Sixty ed Energie), ha annunciato l'offerta di acquisto del marchio Liberti. L'azienda ha chiuso il 2007 a quota 118 milioni di euro (+17%).
La società di Ceresara (Mn) ha presentato al Tribunale di Treviso un'offerta per un importo pari a 1,9 milioni di euro, valida fino al 30 luglio 2008 e sottoposta al perfezionamento delle procedure processuali attualmente in corso e all'accoglimento delle condizioni richieste da Csp.
Liberti, sinonimo da oltre 30 anni di collezioni di lingerie, costumi da bagno e maglieria di target elevato, “potrebbe - dice una nota - accelerare la diversificazione di Csp International Fashion Group nei segmenti diversi dalla calzetteria e, in combinazione con Lepel, rafforzare la sua posizione nel mercato della corsetteria, con ruoli complementari sia a livello distributivo, sia per target di riferimento”.
Sulla base dei dati preliminari, l'esercizio 2007 si è chiuso con un fatturato netto pari a 118 milioni di euro, con un incremento del 17%, per metà dovuto alle attività distributive e in licenza e per metà ai marchi propri. Il giro d'affari estero supera, per importanza, il mercato domestico, con un'incidenza del 52,2% (Italia 47,8%).
a.t.
stats