Dal Nordest d’Italia a New York: grande successo per l’Innovetion Valley

Ha riscosso successo di pubblico e interesse Innovetion Valley, il manifesto di pianificazione territoriale sbarcato l’altro ieri a New York e firmato da diversi imprenditori dell’area nordestina, tra cui il patron di Diesel, Renzo Rosso.
Obiettivo: dichiarare il Nordest cuore dell’industria creativa mondiale, proponendo di esportare, oltre i propri confini, modelli di collaborazione e innovazione collaudati e vincenti. Il lancio internazionale di Innovetion Valley è avvenuto nell’ambito della conferenza “Da Palladio all’Innovetion Valley fino al festival della Città Impresa: storia, presente e futuro della rivoluzione culturale ed economica nell’area a maggior vocazione innovativa del Paese”, tenutasi all’Istituto italiano di cultura di New York. Artisti, creativi, giornalisti, esponenti del mondo dell’economia e dell’impresa hanno preso parte all’evento, promosso e finanziato dalla Regione Veneto e collegato alle celebrazioni per i 500 anni dalla nascita di Andrea Palladio. Tra gli imprenditori intervenuti anche Renzo Rosso, fondatore di Diesel e primo firmatario della piattaforma, che proprio ieri ha inaugurato sulla Fifth Avenue il più grande Diesel Planet del mondo, a testimonianza di come il legame tra Innovetion Valley e Grande Mela vada ben oltre la semplice teoria.
Cristiano Seganfreddo, direttore del manifesto presentato e di Fuoribiennale, ha spiegato come il Triveneto sia l’area con la più alta concentrazione di industria creativa per metro quadro al mondo, evidenziando le peculiarità di un sistema imprenditoriale, artistico e sociale unico nel suo genere e soffermandosi sull’armoniosa convivenza di realtà molto diverse tra loro, dalla Biennale di Venezia a Bisazza, dall’Arena di Verona a Illy.
Hanno raccontato il miracolo della “valley” anche Filiberto Zovico, direttore del festival delle Città Impresa, Renato Miracco, direttore dell’istituto italiano di cultura di New York, Guido Beltramini, direttore del centro internazionale di studi di architettura Andrea Palladio e l’onorevole Francesco Maria Tatò, console generale che ha sottolineato l’importanza di lavorare sulle diversità locali, proiettandole a livello globale e non relegandole entro i confini nazionali.
Durante la conferenza sono stati presentati anche “!”, il magazine di Innovetion Valley che rappresenta il territorio attraverso i codici globali della fotografia, del design, della moda, dell’architettura e una speciale mappa realizzata in collaborazione con Hangar Design Group, che propone una catalogazione di tutti gli “innovetor” nordestini presenti a New York.
e.b.
stats