Dazi sulle calzature di Cina e Vietnam in vigore da oggi

Entrano in vigore oggi, e per un periodo di 6 mesi, i dazi antidumping relativi ad alcuni tipi di calzature con tomaie in cuoio prodotte in Cina e Vietnam. L’Anci promette di attivarsi per trasformare il provvedimento da provvisorio a definitivo e per fare inserire alcune categorie attualmente escluse.
Si tratta, in particolare, dei segmenti “Staf” (Special technology athletic footwear), “bimbo” e “con puntale protettivo”.
La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del regolamento sui dazi (vedi fashionmagazine.it del 23 e 24 marzo), avvenuta ieri, e il conseguente avvio dell’applicazione del provvedimento è stato definito “un indubbio successo politico, ottenuto anche con il concorso di Confindustria e del Ministero delle Attività Produttive”, dal presidente dell’associazione dei calzaturifici italiani, Rossano Soldini. Ma Anci è parzialmente soddisfatta. “I dazi dovevano essere più severi”, ha commentato Soldini ammettendo che, tuttavia, si tratta di un implicito riconoscimento, da parte della commissione, che esiste un problema con le importazioni dai due Paesi accusati di dumping.
“Le ragioni di Anci – ha ribadito Soldini – non sono quelle del protezionista, ma di chi vuole stabilire regole valide per tutti”.
e.f.
stats