De Rigo: accordo di licenza con Chopard per l’eyewear

De Rigo, società leader nel settore dell’occhialeria, e Chopard, azienda di gioielli e orologi di lusso, hanno siglato un accordo di licenza mondiale per la produzione e la distribuzione di occhiali da sole e da vista a marchio Chopard. Resi noti da De Rigo anche i risultati di vendita dei primi nove mesi del 2004.
La nuova collezione Chopard della primavera/estate 2005, “i cui modelli – dicono dalla società - esprimeranno appieno l’identità del marchio e si distingueranno per design e qualità, proprio come gli orologi e i gioielli Chopard”, sarà presentata all’Opti-München 2005 e distribuita a livello mondiale a partire dal prossimo gennaio.
De Rigo è uno dei leader mondiali nel segmento degli occhiali di fascia alta: è partner del Gruppo Lvmh per la produzione e distribuzione dei marchi Celine, Givenchy e Loewe e produttore e distributore di brand in licenza come Escada, Etro, Fila, Furla, La Perla, Mini, nonché delle proprie etichette, come Police, Sting e Lozza. È presente in Spagna attraverso la catena di negozi General Optica e retailer nel mercato britannico, grazie a Dollond & Aitchinson.
Conosciuta a livello mondiale per le sue collezioni di orologi e gioielli e per le sue creazioni di haute joaillerie, Chopard è un’azienda familiare fondata in Svizzera nel 1860 ed è attiva sul mercato grazie a dieci filiali distributive e 77 negozi sparsi in tutto il mondo.
Annunciati da De Rigo, società quotata al Nyse (“Der”), anche i risultati di vendita relativi ai primi nove mesi del 2004: il fatturato ha toccato i 395,8 milioni di euro, in crescita del 2,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Escludendo le vendite di Eid (la joint venture con Prada) dai risultati del gruppo dei primi nove mesi del 2003, l’incremento è stato del 7,6% (a parità di cambi).
In particolare, il fatturato consolidato è cresciuto del 2,1%, arrivando a 395,8 milioni di euro, rispetto ai 387,8 milioni di euro realizzati nei primi nove mesi dell’anno precedente. Le variazioni dei tassi di cambio hanno avuto un effetto positivo dell’1,5%.
Il giro d’affari della divisione di produzione e vendita all’ingrosso è aumentato dell’1,3%, arrivando a 104,4 milioni di euro, rispetto ai 103,1 milioni di euro realizzati nei primi nove mesi del 2003 (escludendo le vendite effettuate verso Eid da gennaio a settembre 2003, la crescita è stata del 3,9%).
Il fatturato della divisione di vendita al dettaglio ha subito un incremento dell’8,3%, toccando quota 299 milioni di euro, rispetto ai 276,1 realizzati nei primi nove mesi dell’anno scorso, principalmente grazie alla forte crescita delle vendite su base comparabile di entrambe le catene di distribuzione al dettaglio del gruppo: General Optica (“Go”), che – come già accennato - opera soprattutto nel mercato spagnolo, e Dollond & Aitchison (“D&A”), presente su quello britannico.
a.t.
stats