De Rigo: nel 2003 i profitti balzano del 74,5% a 18,5 milioni di euro

Migliora la redditività e la posizione finanziaria del gruppo De Rigo, anche se scende il fatturato consolidato. Nel 2003, uno dei big player del settore occhialeria ha infatti visto crescere i profitti del 74,5% a quota 18,5 milioni di euro, mentre ha registrato una flessione dei ricavi dell'1,5%, scesi a 504,8 milioni di euro "a causa dell'apprezzamento dell'euro nei confronti di altre valute".
A tassi costanti, infatti, il fatturato consolidato del gruppo sarebbe cresciuto del 3,5%. Forte anche l'incremento generato dal risultato operativo (+49,1%), passato da 16,7 milioni di euro del 2002 ai 24,9 milioni che rappresentato il 4,9% dell'intero giro d'affari. Grazie alla vendita della partecipazione in Eyewear International Distribution (EID), che hanno consentito di ridurre fortemente i debiti verso le banche e ai flussi di cassa generati dalle divisioni di distribuzione al dettaglio e all'ingrosso, l'indebitamento finanziario si è ridotto notevolmente: da 63,2 milioni di euro a 3,6 milioni.
"Abbiamo concluso con successo un anno che aveva avuto un avvio difficile a causa dell'impatto negativo della Sars e della guerra in Iraq - ha detto Ennio De Rigo, presidente del gruppo -. Il successo delle strategie di marketing di Dollond & Aitchison e l'espansione della rete vendita di General Optica ci hanno consentito di continuare a guadagnare quote di mercato nell'attività di distribuzione al dettaglio: tale obiettivo sarà il nostro focus anche per il 2004".
v.s.
stats