Diesel rompe i rapporti con il distributore russo e punta all’upgrading in questo mercato

Dalla metà di marzo tutti i negozi monomarca Diesel in Russia saranno chiusi. A causa della scarsa redditività della rete distributiva non è stato infatti rinnovato l’accordo di franchising che legava il brand italiano e la società Vintage Technology. Per l’azienda di Molvena è tempo di guardare a nuove partnership, in sintonia con le strategie già attuate in altri Paesi.
Secondo il parere di alcuni osservtori russi, la casa italiana aveva insistito su un posizionamento del marchio nel settore lusso, spingendo ad aprire i punti vendita nelle vie più prestigiose. Con l’arrivo della crisi, tuttavia, la clientela è nettamente diminuita. Il successo del brand Diesel tra i giovani risale al 2004. A un certo punto, la società è uscita dalla cosiddetta fascia media, per entrare di pieno diritto nel segmento più elevato del fashion wear, con un corrispondente aumento dei prezzi del 30-40%. Una mossa che avrebbe reso le attività del marchio molto difficili in Russia, proprio dal punto di vista della redditività dei punti vendita, con esborsi legati al riposizionamento troppo onerosi rispetto alle possibilità di vendita. Un’opinione condivisa anche dal responsabile della catena multibrand “Modnaya Tochka” che ha rifiutato di proporre l’assortimento Diesel quando circa due anni or sono le vendite hanno mostrato chiari segnali di flessione.
Renzo Rosso però precisa: “Abbiamo deciso di interrompere il rapporto con il nostro partner russo 18 mesi fa, chiudendo con la stagione autunno-inverno 2008-2009, nonostante i buoni risultati ottenuti”. “La decisione – prosegue il presidente dell’azienda di Molvena - è stata presa con l’obiettivo di innalzare il posizionamento dell’etichetta in uno dei mercati più importanti del mondo, attraverso lo sviluppo di una strategia che ha già portato al successo di Diesel negli Stati Uniti, in Europa Occidentale e in Asia”. Il futuro, insomma, dovrebbe portare all’accordo con un nuovo partner in sintonia con le strategie della compagine veneta.
La label del mohicano ha appena inaugurato il terzo store a Miami, come si legge oggi su wwd.com: uno spazio di circa 300 metri quadri in una ex-libreria di Lincoln Road dedicato al meglio dell’offerta che è stato aperto a metà dello scorso mese.
n.n. e c.me.
stats